CREATIVITA’. Roma Provincia Creativa

Cos’è Roma Provincia Creativa?

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ANDARE SUL SITO UFFICIALE DI
ROMA PROVINCIA CREATIVA

RPC è un progetto della Provincia che riunisce personalità di spicco della della creatività capitolina. Cinema, pubblicità, street art ecc… Qualche mese fa, il progetto fu presentato al Palazzo dei Congressi all’EUR e io c’ero. Si è parlato moltissimo di rapporto tra editoria e social network, di diffusione degli e-books, del futuro della piccola e media editoria.

Il nome del dibattito era “Creatività, nuove tecnologie e mestieri editoriali nella Roma che cambia” e tutto avveniva all’interno delle sale che stavano ospitando la fiera “Più libri, più liberi”.

Questo convegno, che ha messo a confronto esempi di editoria più e meno moderni, si inseriva all’interno di “Roma Provincia Creativa”, un progetto che da ormai tre anni calamita l’attenzione di tutti i settori creativi della Capitale che, ricerche alla mano, valgono ben 35 miliardi di euro solo nella Provincia di Roma. L’idea è di stimolare questo settore multiforme attraverso incontri, eventi, dibattiti e ogni genere di attività e di incentivi in modo da favorire la crescita generale dell’intero comparto e, più in generale, la produttività della città.

Il convegno, introdotto da Gian Paolo Manzella (Dipartimento Innovazione e Impresa Provincia di Roma) e moderato dal giornalista Gioacchino De Chirico, ha visto la partecipazione di Martina Suozzo, esperta di comunicazione, Sandro Ferri, fondatore della casa editrice e/o, Valentina Aversano, ideatrice del blog “Setteperuno” e Daniele Di Gennaro, fondatore, nel 1993, di Minimum Fax.

Nel suo intervento, Martina Suozzo, addetta stampa e social network manager presso Fazi editore, ha ricordato quanto importante sia oggi un uso corretto e tempestivo dei social network nell’editoria, in particolare l’utilizzo dell’instant microblogging/ Twitter, come insegnano case editrici quali Minimum Fax. “La cultura social-, dice la Suozzo, –è diventata fondamentale per il business, anche se in Italia la rete è vista ancora come una potente fonte di consigli per gli acquisti, piuttosto che il luogo dove gli acquisti si effettuano. Il 34% degli utenti si lascia semplicemente guidare dalla rete e da quel 10% di leader d’opinione che influenzano davvero le scelte d’acquisto”.

La giovane Valentina Aversano ha illustrato poi il suo progetto nato, dice, dopo un periodo di forte frustrazione lavorativa. “E’ così che, assieme al mio compagno Andrea D’Ippolito (fotografo), è nata l’idea di “Setteperuno.it”: un contenitore che è innanzitutto una vetrina per creativi davvero meritevoli”. Forte di una politica molto attenta sia alla parte social che a quella legata agli eventi dal vivo sul territorio, questo prodotto, nato come blog di recensioni letterarie in senso stretto, ha saputo evolversi nel tempo grazie ad una folta community e ad un dialogo costante e virtuoso con la piccola e media editoria.

Chiusura per Sandro Ferri. “Tutte le nostre novità escono ormai sia in formato cartaceo che in digitale. A noi il formato non interessa più di tanto. Quello che ci importa è la lettura, la sua difesa”. L’editore del fenomeno letterario “L’eleganza del riccio” si è infervorato poi su una certa politica adottata da Amazon negli USA per sfruttare la piccola editoria offrendo compensi minimi, definendola una politica “ai limiti del nazismo”.

Per maggiori info, CLICCA QUI PER IL SITO UFFICIALE DI ROMA-PROVINCIA CREATIVA

Annunci

Informazioni su copyisteria

Donne, è arrivato l'arrotino e l'ombrellaio!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: